Simulazione prestiti per giovani laureati: istruzioni, consigli utili

Indice dei contenuti

L’Italia non è un Paese per giovani, come spiegava un film di successo di qualche anno fa. Infatti, nel nostro Paese, far parte di questa categoria rappresenta un tema di notevole importanza. Per i giovani appena laureati, infatti, le opportunità di lavoro sono scarse, come dimostrano le convincenti statistiche che sono state realizzate negli anni. Anche la politica non sembra interessata a fare nulla per migliorare la condizione di questa parte importante della nostra società, almeno a parole.

Il risultato di tutto questo è una crescente insoddisfazione. Questo significa re-immigrazione, soprattutto per coloro che hanno già imparato e hanno le qualifiche e le competenze da utilizzare. Il doppio danno al Paese non è solo perché queste persone importanti vengono utilizzate per la formazione, ma anche perché porteranno tutte le loro conoscenze al sistema economico che compete con l’Italia per importanti quote di mercato.

Vi sono una serie di questioni molto importanti che chi approccia per la prima volta a questo mondo, sicuramente si troverà spaesato o poco preparato. Per questo consigliamo sempre di affidarsi alla nostra guida per sciogliere i dubi vari. Prendete una penna e un quaderno per poter prendere appunti, dato che nell’appuntare i passaggi più rilevanti questo permetterà di aumentare la propria soglia dell’attenzione. In alternativa salvate questa pagina tra i preferiti, cliccando sulla stella in alto a destra. Non manca che metterti comodo, e sulla tua postazione preferita per poter leggere al meglio la seguente guida.

Il giovane laureato e il sistema creditizio: tante questioni critiche

Anche il sistema creditizio non può sottrarsi al discorso appena citato. In effetti, le aziende di questo settore hanno bisogno di garanzie in cambio di denaro prestato. Soprattutto due tipi:

  • La capacità del reddito consente ai clienti di pagare le rate previste dal piano di ammortamento;
  • Reputazione, ovvero storia di rapporti non conquistati con società finanziarie, ove non vi siano stati protesti o rate irregolarmente pagate.

Se rispetto al secondo, per diverse ragioni, è poco probabile che la persona più giovane sia stata già inserita nel database del centro rischi, allora nel primo caso è ovvio che in realtà è impossibile per troppe persone. Una società finanziaria spesso richiede un lavoro con uno stipendio per poter ottenere il finanziamento. Il motivo è che, soprattutto nel nostro Paese, un gran numero di giovani è costretto a firmare contratti atipici, contratti a tempo determinato o stage a fini di tirocinio. Tanto che trasforma la flessibilità tanto necessaria in instabilità.

Coloro che possono vantarsi di contratti di lavoro a tempo indeterminato spesso devono affrontare salari insignificanti. Per non parlare delle persone che lavorano nel settore privato ora sono a rischio in ogni modo. Da quando il governo Renzi ha approvato la legge sul lavoro, infatti, dopo l’abolizione dell’articolo 18 della Costituzione dei lavoratori, chiunque può essere licenziato per motivi economici.

Il settore dei crediti a fronte dei problemi dei giovani laureati

Negli ultimi anni, il dipartimento crediti ha affrontato la mancanza di garanzie con una certa flessibilità. Cerca di utilizzare formule che diano qualche sicurezza in più, necessaria soprattutto quando scoppia di nuovo la crisi economica. Per non tagliare fuori i più giovani, soprattutto quelli più vulnerabili alla crisi, una delle misure che è stata predisposta è quella di concedere un prestito da un garante. Questa è la formula che prevede che vi sia una terza persona che può prestare la garanzia mancante all’appaltatore principale. Di solito parenti o conoscenti. A chi è affidato un compito molto speciale e gravoso. Egli deve non solo fornire garanzie in termini di redditività e credibilità, ma anche assumersi il rischio di inadempimento da parte dell’appaltatore principale degli obblighi previsti dal contratto. Ciò significa che se il garante non paga l’importo dovuto, il garante si farà carico del pagamento. Se lo desidera, può consigliarlo ai suoi clienti in un secondo momento.

Prestito con fideiussore per i giovani laureati

Laddove si dovessero avere difficoltà ad ottenere un prestito perché si hanno poche garanzie da dare alla banca o all’istituto finanziario. Vi sussiste la possibilità di apporre un fideiussore, cioè un garante, che ricopre il debito laddove dovessi risultare insolvente. Generalmente questo ruolo viene ricoperto da persone a noi care, le quali ovviamente hanno le caratteristiche richieste dalla banca

Come determinare il miglior prestito per i giovani laureati?

Naturalmente, per le persone giovani e appena laureate, non sono disponibili solo prestiti da garanti. Invece, puoi provare a rivedere a fondo le raccomandazioni del mercato. Il modo migliore per individuare i più interessanti è un simulatore di prestito, detto anche comparatore. Che cos’è nello specifico? In Internet, infatti, esistono molti siti pensati per aiutare gli internauti a risparmiare tempo nella ricerca di servizi specifici (come i servizi di credito), ma non solo. Bastano infatti pochi secondi per avere una sintesi delle soluzioni proposte dalle aziende che dominano una particolare nicchia di mercato. Nel caso dei prestiti si risparmia la necessità di perdere un’intera giornata alla ricerca di suggerimenti che possano soddisfare le vostre specifiche esigenze.

Come funziona il simulatore di prestito per i giovani laureati?

Il funzionamento del simulatore è molto semplice. Basta visitare la homepage del sito web che eroga il servizio, dove è presente un questionario. Dovrai compilare le informazioni richieste e si potrà visualizzare una pagina riassuntiva dei migliori suggerimenti sul mercato a seconda della situazione prevista. Si precisa tuttavia che i dati di input devono essere adeguati alla situazione reale dell’utente e non possono essere modificati per il proprio uso e consumo, al fine di ottenere suggerimenti migliori. Il simulatore, infatti, è solo il primo passo sulla strada per la concessione di prestiti, è il primo contatto per prendere coscienza delle proprie possibilità.

Stai attento a quando usi il simulatore sulla home

A questo punto, le persone più esperte si porranno una semplice domanda: qual è l’interesse del sito nel fornire i propri servizi di simulazione? Una domanda del tutto logica, se si considera il costo dei portali. Tuttavia si vuole garantire ai nuovi utenti l’accesso a servizi affidabili, così da poter accedere in un rapporto di fiducia con gli utenti che leggono questa guida.