Simulazione di prestiti ad autonomi cattivi pagatori: caratteristiche dei finanziamenti, importo massimo erogabile, rate

Indice dei contenuti

Per quanto riguarda una società finanziaria che dovrà erogare dei prestiti per autonomi cattivi pagatori o per i protestati a loro non sarà molto conveniente, dato che il profilo di rischio risulterà essere tanto elevato e spesso in contrasto con quelle che riguardano tutte le politiche di un istituto di credito:

  • ciò accade solitamente a causa di quelli che avranno avuto dei problemi finanziari in passato, essi potranno accedere al credito senza problemi, semplicemente andando a ricorrere a quella che sarà la cessione del quinto.
  • Ma vige una condizione necessaria ed è quella di possedere un contratto di lavoro che sia dipendente a tempo indeterminato o almeno la pensione, in sostanza si tratta di possedere un reddito stabile a cui si potranno applicare la trattenuta sullo stipendio per la rata di rimborso.

Per cui, tutti i prestiti ad autonomi e anche cattivi pagatori o protestati dovranno per forza di cose trovare altre formule di finanziamento, per cui, se non potranno far fede ad una busta paga come garanzia, vedremo come fare.

Aliprestito prestiti per autonomi cattivi pagatori

Come si è detto poco sopra, non ci sono tante finanziarie che saranno disposte ad offrire delle soluzioni di prestito per autonomi che saranno anche cattivi pagatori o addirittura protestati, senza che essi presentino una garanzia della cessione del quinto. Ma Aliprestito potrà essere la soluzione, sul loro sito si potrà aver un preventivo compilando il form con tutte le info sui tassi di interesse applicati. Si deve ricordare che:

  • uno di quelli che saranno gli svantaggi di essere iscritti all’elenco dei cattivi pagatori riguarda il fatto che, nel caso venisse concesso il prestito senza la cessione del quinto, i tassi di interesse saranno logicamente più elevati proprio per quanto riguarda un maggior rischio dell’impresa che deriva dai disguidi finanziari pregressi.

Prestiti online: finanziamenti anche senza cessione del quinto

Non esiste solamente la cessione del quinto tra le varie possibilità del finanziamento e delle offerte proposte da Prestiti online, che è una società che opera tramite il web offrendo delle soluzioni anche per tutti i lavoratori autonomi che saranno protestati, che potranno inoltre richiedere anche un semplice prestito personale, con dei tassi neanche troppo elevati. In alternativa tale finanziaria propone anche:

  • prestito consolidamento per i debiti offrendo quella che sarà la liquidità che occorre al fine di ripagare i debiti che saranno stati accumulati e che dovranno essere cancellati dal registro dei protesti, tutto ciò in un’unica comoda rata per l’ammortamento.

Inoltre, parlando di quella che è l’offerta di Prestiti online per quanto riguarda i prestiti veloci agli autonomi protestati, vediamo quale possa essere un’offerta mutuata proprio dal sito ufficiale, ricordando che per tutti i cattivi pagatori il capitale che sarà possibile richiedere viene compreso da tra 5.000 e 30.000 euro:

  • TAN Fisso: 4,25
  • TAEG: 8,90
  • Importo che sarà erogato: € 15.000
  • rate: 120
  • rata mensile € 198

Prestiti cambializzati per autonomi cattivi pagatori

Tutti i prestiti per quanto riguarda gli autonomi cattivi pagatori o i protestati spesso potranno essere possibili solo se si ricorre a un finanziamento alternativo, si tratta del prestito con cambiali o detto cambializzato, che prevede:

  • il pagamento dei vari titoli di credito che sono conosciuti appunto come cambiali, che devono essere firmati da tutte e due le parti e a cui con l’applicazione di un bollo sarà fornito il valore legale che occorre per poter consentire al creditore di andare a pignorare i beni del debitore in caso in cui quest’ultimo risulti insolvente.

Il prestito tra privati per autonomi cattivi pagatori

Esiste un’altra possibilità per poter riuscire ad avere un prestito per quanto riguarda i cattivi pagatori ed è ricorrere al prestito tra i privati, quindi sfruttare le piattaforme digitali, che saranno regolamentate autorizzate dalla stessa Banca d’Italia, che funzioneranno da punto di incontro tra i prestatori e chi fa richiesta di denaro, con dei tassi più bassi di banche e di società finanziarie classiche. Quindi per poter richiedere un prestito tra privati via web si deve:

  • basta che ci si vada a registrare al sito e che si decida se si è un prestatore o un richiedente: in tal caso si deve presentare tutta la documentazione standard, e la società su quella che è la scorta del livello per affidabilità e per sostenibilità del reddito che affibbierà un punteggio detto score. Per cui maggiore sarà il punteggio, più bassi di conseguenza sono i tassi di interesse che vengono applicati e più elevate saranno anche le possibilità di ottenere il prestito.

Sappiate che per chi è un cattivo pagatore non sarà scontato ottenere un finanziamento, ma sicuramente ci saranno delle possibilità maggiori, soprattutto se vecchi disguidi saranno di bassa entità. Esiste una piattaforma chiamata Smartika, che è sicuramente tra le più conosciute in Italia, che ci dà la possibilità di ottenere degli importi tra 1.000 e 15.000 euro con piani di ammortamento tra 12, 24, 36 e 48 mesi:

  • TAN Fisso: 5,60
  • TAEG: 5,5/10,4
  • Importo che viene erogato: € 5.000
  • rate: 36
  • Rata Mensile € 156,71/167,50

Società e quello che c’è da sapere

Dopo aver parlato di queste società che operano online, possiamo svelarvi di più sulla loro storia. Per esempio Aliprestito Spa nasce a Genova nel lontano 1986 sotto al nome di Eurofin, e da allora ha avuto tante trasformazioni fino ad arrivare a quella odierna avvenuta nel 2004:

  • questa è una società finanziaria che viene radicata nel territorio andando ad offrire un’ampia gamma di prodotti e un particolare servizio di assistenza allo scopo di andare a fornire delle soluzioni personalizzate apposta per il cliente, andando a basarsi solo sui principi di trasparenza, di affidabilità e di qualità e convenienza per quanto riguarda la propria attività finanziaria.

Prestiti online, invece, è quella società finanziaria che opera sul web e che è nata nel 1997, allo scopo di andare ad offrire quella che risulta essere una vasta gamma di finanziamenti per i tempi rapidi, allo scopo di andare a capire e poter soddisfare le necessità di tutti gli utenti. Offrono anche dei prestiti veloci, le rate con tassi contenuti, con lunghi piani di ammortamento e questi sono proprio il loro punto di forza di tale società che ci propone delle soluzioni a tutte le categorie dei vari soggetti, compresi tutti quelli che presentano una situazione finanziaria molto complessa. Infine, abbiamo parlato di Smartika Spa, essa  è un operatore finanziario del tutto autorizzato, regolamentato e vigilato dalla Banca d’Italia, che presta dei servizi di pagamento, che vengono dati su istruzione dei prestatori e di chi richiede, che saranno alla base del social lending, quindi si intende per le comunità virtuali.

Fare richiesta di prestito con garante

Una maniera molto più semplice per poter procedere con l’ottenere dei prestiti per i protestati e per i cattivi pagatori autonomi, così come per i liberi professionisti con la partita iva, riguarda il prestito con garante, ovvero una fideiussione, in cui:

  • una figura terza sarà poi coobbligata all’ammortamento del debito, per cui vorrà dire che nel caso di un mancato pagamento di eventuali rate da parte di un titolare principale del prestito, lo stesso garante dovrà prendersi cura di saldare quanto è stato pattuito con la banca o con la finanziaria.

Data questa natura di tale finanziamento con la presenza di un garante, l’istituto di credito o anche la società finanziaria per riuscire a concedere il via libera a tale prestito dovranno poi valutare tale garante, che spesso sarà congiunto o anche un familiare stretto di chi fa richiesta, secondo l’affidabilità creditizia. Ciò significa che il garante dovrà avere:

  • un reddito certo, che sarà sostenibile, e anche con uno stato patrimoniale che sia più che sufficiente al fine di poter fare la restituzione teorica di quello che è il capitale e i relativi interessi che saranno nell’ammortamento.

Sicuro che il via libera lo avranno i garanti con un contratto a tempo indeterminato e con busta paga a tutela del credito. Il secondo criterio è quello che concerne il passato creditizio dello stesso garante, la quale non dovrà risultare protestato o essere un cattivo pagatore per gli archivi del circuito bancario come per esempio il Crif.

Conclusione

Quando si andrà a valutare quello che risulterà essere un preventivo di prestito con delle cambiali si dovrà prendere in considerazione anche quelli che sono una serie di svantaggi che andranno oltre il rischio del pignoramento dei beni, per esempio tutti gli aspetti critici di tale tipologia di finanziamento sono:

  • un tasso interesse più alto della media
  • dei costi connessi al finanziamento più alti
  • una polizza di assicurazione per la vita del richiedente

Tutti gli oneri a carico di tale richiedente dovranno essere valutati con attenzione prima che si vada a sottoscrivere il contratto e rischiare di finire in altre problematiche finanziarie.