Simulazione di prestiti a dipendenti pubblici e statali: esempi, come presentare la domanda

Indice dei contenuti

La soppressione dell’INPDAP ha comportato il trasferimento delle sue funzioni (comprese le attività creditizie) all’INPS. Pertanto, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale è responsabile di fornire prestiti agevolati per soddisfare le esigenze dei funzionari pubblici e dei pensionati. I precedenti prodotti Inpdap Inps sono caratterizzati da due tipologie di prodotti: da un lato abbiamo i finanziamenti erogati direttamente dall’istituto di ricerca, dall’altro i finanziamenti erogati da banche e finanziarie convenzionate con l’INPS.

Se analizziamo i prestiti diretti, cioè erogati dall’INPS, troveremo che il loro finanziamento è fornito dalla gestione unificata di fondi di credito e servizi sociali. Il fondo è stato lanciato nel 1996 ed è una risorsa economica utilizzata per finanziare attività con finalità sociali. A questo contribuisce anche il contributo dei lavoratori.

In base alla disponibilità di fondi di credito, vengono stabiliti servizi a disposizione degli utenti.

I prestiti Inps sono finalizzati ad erogare credito a specifiche categorie di richiedenti: dipendenti e pensionati iscritti all’amministrazione dei dipendenti pubblici, dipendenti pubblici e pensionati iscritti al fondo crediti di altre amministrazioni.

Nel nostro sito trovi nel dettaglio tutte le proposte Inps ex Inpdap, comprese le proposte di finanziamento diretto e convenzionate. Ci concentreremo su simulazioni di tariffe, requisiti di accesso, opzioni di scadenza, procedure di richiesta e piani di rimborso.

I piccoli prestiti erogati dall’INPS

Un Piccolo prestito permette di ricevere fondi per sostenere eventuali spese senza vincoli di utilizzo. Il periodo di rimborso è di 12, 24, 36 o 48 mensilità.

Possono usufruire del credito i dipendenti pubblici e i pensionati che partecipano alla gestione unitaria del credito e dei servizi sociali. Il tasso di interesse si afferma su 4,25% e l’importo pattuito è determinato in base all’esistenza e alla durata di altri finanziamenti. Tuttavia, l’importo varia da una a otto volte lo stipendio o la pensione. Per la valutazione del prestito è necessario considerare i costi: spese amministrative (0,50%) e fondi rischi.

Prestito pluriennale diretto dell’INPS

Il prestito diretto pluriennale Inps è un prestito che si esplica nella famosa cessione del quinto (la rata non può superare il 20% dello stipendio netto o della pensione). La richiesta può essere presentata dai pubblici ufficiali e dai pensionati che partecipano alla gestione unitaria del credito e dei servizi sociali.

Per quanto riguarda il piano di ammortamento, abbiamo due opzioni:5 anni o 10 anni. La richiesta deve essere coerente con la finalità indicata nel Regolamento Inps 2021. Questi gli usi consentiti:

  • I disastri naturali (terremoti, alluvioni, ecc.)
  • Rapine, furti, incendi
  • Trasferimento in altro luogo di lavoro del socio per esigenze familiari
  • Progetto di ristrutturazione condominiale laddove risiede il lavoratore
  • Manutenzione ord. della residenza (importo massimo 30.000 euro)
  • Il costo di installazione di un sistema di energia rinnovabile (fino a 25.000 euro)
  • Acquisto auto (fino a 20.000 euro)
  • Parto o adozione-affidamento pre-adozione-nascite multiple o adozioni e adozioni internazionali Protesi e cure odontoiatriche
  • Acquista auto modificate, sedie a rotelle ortopediche per disabili e protesi costose
  • Malattia del membro
  • Morte di un familiare
  • Matrimonio del lavoratore o dei figli (importo massimo 23.000 euro)
  • Iscrizione e frequenza ad un corso di specializzazione di almeno due anni
  • Riscatto case popolari affittate da istituzioni pubbliche
  • Compro casa in cooperativa
  • Acquista una casa per vivere (importo massimo 150.000 euro)
  • Costruisci una casa (importo massimo 150.000 euro)
  • Estinzione anticipata o riduzione del mutuo ipotecario
  • Manutenzione straordinaria, ristrutturazione della casa (importo massimo 100.000 euro)
  • Grave malattia di un familiare
  • Casi speciali

Il tasso di interesse è più conveniente di un piccolo prestito, infatti abbiamo rilevato il 3,50%. Vanno comunque considerati i costi evidenziati nei precedenti finanziamenti.

Gestione prestito assistenza amministrativa ex docenti Enam

I microprestiti della Direzione Assistenza Magistrale rappresentano un’opportunità di finanziamento specifica per gli ex docenti iscritti all’ENAM.

La durata del piano di ammortamento è di 24 mesi, e la richiesta deve essere effettuata secondo la specifica finalità di utilizzo. Per quanto riguarda l’importo previsto, il limite è pari al doppio dello stipendio.

Disporre una detrazione dell’1%, calcolata in base all’importo totale del prestito, per coprire le spese amministrative e i fondi di garanzia. Il tasso di interesse corrisponde all’1,50%.

Come funziona un prestito pluriennale garantito

I prestiti pluriennali garantiti dall’inps sono erogati da banche e finanziarie che hanno stipulato convenzioni con l’INPS. L’Associazione di previdenza sociale sopporta molteplici rischi: morte di un membro prima della fine del prestito, cessazione dei servizi ma nessun diritto a ricevere pensioni e salari ridotti.

Simulazione dei prestiti per dipendenti pubblici e statali

Il sito ufficiale dell’Inps mette a disposizione degli utenti la possibilità di effettuare una simulazione secondo i propri parametri. Nello specifico questo è il link da seguire, è una funzionalità molto comodo in quanto permette di personalizzare la simulazione secondo le proprie caratteristiche, in quanto difficili da poter trovare su internet un caso di specie, esattamente uguale al nostro. Per fortuna l’Inps però ha provveduto a venire incontro alle nostre esigenze e ha provveduto a offrire un grande servizio all’utenza.

Modulo prestito Inpdap

L’INPS mette a disposizione dei propri utenti le tabelle finanziarie che possono essere utilizzate per calcolare l’importo totale e l’importo netto realizzabile grazie alle varie linee di credito (la famosa tabella dei prestiti inpdap). Tutti sono legati alle caratteristiche dell’utente (età, stipendio o pensione). Queste forme sono relative ai prestiti diretti, che vengono pagati dall’INPS.

Regolamento prestito INPDAP 2021

Qui trovi le norme per l’erogazione dei prestiti riservati agli iscritti alla gestione unitaria del credito e dei servizi sociali istituita dall’INPS. In questo documento contenente le Linee Guida INPS-Ufficiali dell’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti della Pubblica Amministrazione, troverai molte informazioni utili quali:

  • Standard di pagamento
  • Destinatario del servizio
  • Importo e durata del prestito
  • Autocertificazione e sopralluogo
  • Rinnovo del prestito
  • Certificato medico

Alcune di queste sezioni sono dedicate a:

  • Micro prestiti e a Prestiti pluriennali (in questo caso si parla di prestiti quinquennali e decennali)

E’ bene restare sempre informati sulla normativa di riferimento e all’occorrenza è bene anche consultare il proprio commercialista, caf o avvocato di riferimento, in quanto in queste figure è rappresentato gran parte del sapere e delle informazioni sulla burocrazia italiana, il quale spesso si presenta complicata e difficilmente accessibile all’utenza media, per questo ci teniamo sempre a offrire un consiglio relativo a farsi consultare da un professionista.